Sex etiquette

Felice a letto a qualsiasi età!

Dimentica le preoccupazioni sulle forme del tuo corpo, sul piacere solo al partner e, soprattutto, conosci i tuoi desideri. Facendo ciò, il piacere sarà più che garantito.

Non è un caso che fare sesso appassionato sia una delizia. Siamo capaci di andare in paradiso in pochi secondi. Il motivo è molto semplice: durante la passione, la nostra autostima è alle stelle e, di conseguenza, essere a proprio agio durante il sesso è molto facile. Più siamo spontanei, più il rapporto sessuale segue, senza intoppi, la rotta del piacere assoluto.

Tuttavia, per fare questo, dubbi, vergogna e altri elementi che possono bloccare devono restare ben lontani dal letto. Sembra un compito semplice, ma non sempre lo è. Le preoccupazioni riguardanti il sesso cambiano con l’età e la fase della donna. Quindi, ciò che sembrava molto importante a 20 anni, a 40, ad esempio, potrebbe non avere senso. Qual è la soluzione? Identificare il problema e combatterlo nel modo migliore possibile.

Trombamiche online!

Giorgia
40 anni
Lombardia 
Micky
26 anni
Lombardia 
Deborah
32 anni
Lombardia 
Federica
30 anni
Lazio 
Marcella
28 anni
Lombardia
Sara
33 anni
Piemonte 
Bianca
34 anni
Piemonte
Sandra
26 anni
Piemonte
Camilla
27 anni
Marche

E, detto tra noi, hai qualche nevrosi quando si tratta di sesso? Scopri, di seguito, le nevrosi delle donne di diverse età e, meglio ancora, scopri come risolverle con i preziosi consigli delle terapeute sessuali Arlete Gavranic e Ana Canosa. Credi, senza alcune nevrosi, ti divertirai con il tuo partner…

Le nevrosi dei 20 anni

Vuole solo accontentare il partner…

A 20 anni, la donna ha poca esperienza, solitamente è insicura e si preoccupa molto delle prestazioni a letto. Molte volte è così concentrata nel soddisfare il partner che dimentica il proprio piacere. Il riflesso di ciò sono rapporti sessuali meno piacevoli, che possono portare anche a qualche disfunzione sessuale, come l’anorgasmia – assenza o ritardo dell’orgasmo dopo una fase di eccitazione. “Inizio il rapporto già pensando che sarà breve. Spesso nel sesso finisco per sentirmi usata.” Silvia Regina, 25 anni, pubblicitaria, ha un amante.

Come risolvere

“Nel mio studio, dico sempre alle pazienti che devono vivere al massimo ciò che questo momento ha di buono. In questa fase dello “scopare senza impegno”, è il momento di sperimentare la sessualità”, suggerisce Arlete. Per non preoccuparsi pensando di avere qualche problema per non avere una relazione più lunga, nota che le relazioni aperte e senza impegno sono una costante anche tra le tue amiche. Cerca quindi di esplorare il lato positivo di questa fase, che è avere il controllo del proprio corpo.

Con gli ormoni in ebollizione, il tuo potere seduttivo è al massimo. “È il momento di approfittare per conoscere il proprio corpo e godere del piacere che può darti”, sottolinea Arlete. Inoltre, devi fare solo ciò che ti va veramente durante il rapporto sessuale, perché altrimenti non sarà piacevole. In questo caso, il dialogo con il partner è sempre la chiave per la soluzione. Dire a lui come e dove ti piace essere toccata è fondamentale. Per fare ciò, devi conoscere il tuo corpo. “Investi nella conoscenza del tuo corpo, esplorando i tuoi punti di piacere. E parla al partner di ciò che ti piace durante il sesso”, sottolinea Ana Canosa.

“Noto una standardizzazione nel comportamento delle ragazze della mia età. Chi non ha fatto sesso anale, ad esempio, è considerata antiquata. Il problema è che spesso facciamo cose solo per avere l’esperienza e unirci al gruppo delle esperte. C’è una pressione e sembra che se non accetto determinate pratiche deluderò il mio partner.” Carolina, 22 anni, studentessa, non ha un fidanzato.

I grilli dei 30 anni

Paura di essere sostituita

È più comune, in questa fascia d’età, essere in una relazione stabile, formare una famiglia o stabilirsi in una carriera professionale. Ed è comune anche iniziare a vedere i primi segni di invecchiamento sul corpo. “Di fronte a questa situazione, molte donne finiscono per mettere in secondo piano la propria sessualità”, spiega Arlete. Tutto questo, unito alla routine del matrimonio e all’adattamento, porta alla paura che possa perdere il compagno per un’altra donna più bella, in forma e disposta a tutto. “Molte volte, quando si è sposati non c’è spazio per atteggiamenti inaspettati e nuove posizioni nel sesso. Questo mi infastidisce e mi porta insicurezza. Si nota che la frequenza dei rapporti diminuisce perché sembra che l’interesse reciproco perda l’incanto e lasci spazio alle attività quotidiane in casa e al lavoro.” Ana Luisa, 32 anni, imprenditrice nel settore degli eventi, sposata, senza figli.

Come risolvere

Questa è una fase ottima per le prestazioni sessuali. La donna è più sicura di sé, sa cosa vuole, e i suoi ormoni tendono ad essere più equilibrati. Ciò che può ostacolare è il grande investimento nel lavoro, che appare anche in questa fase della vita con grande forza. Per coloro che sono sposati e hanno figli, la sfida diventa ancora maggiore per bilanciare tutto e non lasciare cadere il pallone. Stanchezza e stress sono fattori di rischio, quindi il desiderio sessuale ipoattivo può comparire come conseguenza. Attenzione!

Fai del sesso una delle priorità della tua vita personale, specialmente se sei una donna multitasking che sta investendo nella carriera. Se hai una relazione stabile e il rapporto sessuale è buono, entra nel gioco erotico anche se non hai molta voglia: durante il rapporto, ti “rimetti in carreggiata”. Investi in bellissima lingerie e persino giocattoli erotici. Il risultato è sicuro! Tuttavia, se sei da sola, l’importante è non chiuderti alla tua vita sociale, cerca di fare nuove amicizie, prima o poi apparirà un ragazzo che ti farà impazzire. “La prima cosa è non mettere il ruolo di donna e amante in fondo alla lista”, consiglia la terapeuta sessuale Arlete Gavranic. Pensate che, in questa fase, potete unire la forza fisica e una gamma più ampia di esperienze a letto per potenziare il vostro potenziale di fiducia e seduzione. “Sperimentate di più, abbandonatevi senza pudori a nuove esperienze”, incoraggia la terapeuta.

I grilli dei 40 anni

Non essere desiderabili

Esiste il mito che raggiungere i 40 anni significhi entrare a far parte del gruppo delle donne che non suscitano alcun tipo di desiderio negli uomini. Dimenticatelo! Attualmente, ci sono quarantenni molto più coinvolgenti di molte giovinette in giro… Inoltre, Arlete Gavranic indica un altro fatto in questa fase. “È nella seconda metà di questo decennio che la donna entra in menopausa e nota i primi segnali che il suo corpo sta cambiando e prova paura che questi cambiamenti possano interferire nella sua prestazione sessuale.” “Sono ossessionata dal mio corpo, che non è più lo stesso di quando avevo 20 anni. Questo mi intimorisce un po’ e finisce per influenzare il mio comportamento durante il rapporto sessuale.” Marcia Porto, 47 anni, coordinatrice di eventi aziendali, single e confusa.

Come risolvere

Il numero di donne in questa fase della vita con un corpo in forma è sempre maggiore. Questo perché si prendono cura di sé, fanno ginnastica, conducono una vita sana e adottano una buona alimentazione. “Questo è uno dei modi per evitare le crisi più comuni a letto durante questo periodo”, spiega la terapeuta sessuale Arlete Gavranic. Investendo nella qualità della vita, si apre anche spazio al piacere. “E non è solo l’attività fisica, è bello fare cose che diano piacere, come una lezione di danza o un viaggio meraviglioso. Ricorda: una vita più leggera e divertente è un ottimo afrodisiaco”, conclude Arlete. Questo include accettare il corpo che hai. E scegliere abiti che ti valorizzino e ti rendano sensuale, ma senza esagerare. Quella minigonna che sta bene a una ragazza di 20 anni sicuramente non è il capo migliore per questa fase, ma puoi optare per una lunghezza quattro dita sopra il ginocchio senza fare brutta figura.

I 40 anni sono segnati da una fase di stabilità finanziaria, emotiva e anche sessuale. Il problema è se diventa troppo stabile. La mancanza di varietà e creatività si aggiunge alla pigrizia nel fare sesso per chi non ha un partner stabile e alla monotonia per chi ce l’ha. La diminuzione degli ormoni porta anche a una mancanza di desiderio sessuale. Ecco l’importanza di fare sempre un controllo con il ginecologo. “Cerca stimoli, come leggere racconti erotici, per portare il tema del sesso nella quotidianità e ravvivare il desiderio”, conclude Ana Canosa.

I grilli dei 50 anni

Non essere più una donna completa

Questa è una preoccupazione comune per le donne di 50 anni o più. Sembra proprio che la menopausa (periodo dopo l’ultima mestruazione) sia la fase più crudele della donna. Dobbiamo affrontare tutto ciò che la società valorizza, ma in condizioni molto vulnerabili a causa della mancanza di ormoni che comporta cambiamenti drastici nel corpo e nell’aspetto emotivo. “Senza dubbio, è in questa fase che la diminuzione degli ormoni scatena le maggiori trasformazioni nella vita della donna, e ciò si riflette sulle prestazioni sessuali”, afferma Arlete. “Le donne soffrono di sintomi tipici, come secchezza vaginale, che rende il sesso molto scomodo”, spiega la terapeuta. “Appena sono entrata in menopausa, ero terrorizzata perché pensavo di non poter più avere sesso di qualità e, soprattutto, piacere. Ora so che non è affatto così.” Celia, 54 anni, pubblicitaria, separata, due figli, fidanzata.

Come risolvere

“Si può avere una vita sessuale appagante, basta tenere conto degli aspetti specifici di questa fase”, consiglia Arlete. Per cominciare, è bene avere una buona conversazione con il proprio ginecologo e valutare attentamente l’adozione della terapia ormonale sostitutiva. “Si è creato un tabù al riguardo. A volte il mito che la terapia ormonale possa causare il cancro è maggiore della reale probabilità di rischio”, osserva Arlete Gavranic. Un trattamento ben seguito dal medico può restituire alla donna una buona qualità di vita, senza i sintomi tipici.

Conta anche il fatto che, anche se la vigoria fisica non è più la stessa, questa donna ha un potenziale affettivo molto maggiore rispetto alla giovinezza. “Bene utilizzato, questo aspetto può fare la differenza a letto”, spiega la terapeuta. Non trascurare la salute e investire nel tempo libero è un ottimo afrodisiaco, perché più piacere nella vita significa più possibilità di godere anche del sesso, conclude la terapeuta sessuale Ana Canosa.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.